Sentenze tributarie

 
in caso di contestazione di maggior valore ai fini dell'imposta di registro, il Fisco non può limitarsi a produrre la stima dei valori formulata dall'UTE, deve adattare questi valori alla sistuazione reale del terreno edificabile oggetto di contratto (C.T.R. Puglia, segnalata dall'avv. Maurizio Villani)

 
in caso di cessazione di una società e cancellazione dal registro delle imprese la responsabilità fiscale è diversa per i soci e per i liquidatori: i soci rispondono degli omessi versamenti se ricevono un riparto dall'attivo di liquidazione, i liquidatori sono responsabili anche in caso di violazione delle clausole di prelazione stabilite dalla legge a favore del Fisco

 
il caso di una società immobiliare cessata che vendeva gli immobili ad un prezzo inferiore rispetto al valore del mutuo richiesto dall'acquirente: in tale caso è stata ritenuta valida la presunzione del Fisco che il vero prezzo di vendita sia pari al valore del mutuo richiesto dall'acquirente

 
una sentenza della CT.R. di Roma che, a seguito di un complesso accertamento sul reddito derivante dalle locazioni effettuate da una società immobiliare, disapplica le sanzioni tributarie a fronte di una complessa normativa in materia di locazione e relativi redditi