Home > Argomenti > Aliquote IRPEF 2013-2014

ALIQUOTE IRPEF 2013 e 2014

"il contribuente è qualcuno che lavora per lo Stato senza aver fatto il concorso"
(Ronald Reagan)
  • redditi fino a 15 000 euro, aliquota al 23%;
  • tra 15 000 e 28 000 euro, aliquota al 27% (più rapidamente: 3.450 + 27% della parte eccedente 15.000);
  • tra 28 000 e 55 000 euro, aliquota al 38% (più rapidamente: 6.960 + 38% della parte eccedente 28.000);
  • tra 55 000 e 75 000 euro, aliquota al 41% (più rapidamente: 17.220 + 41% della parte eccedente 55.000);
  • oltre i 75 000 euro, aliquota al 43% (più rapidamente: 25.420 + 43% della parte eccedente 75.000).

 

il caso del giorno

 

 

 

 

 

Contributo di perequazione e di solidarietà

Le manovre estive del 2011, nel tentativo di ridurre il deficit pubblico, hanno introdotto un contributo di perequazione sui redditi dei dipendenti pubblici e dei pensionati (DL 98/111) ed un contributo di solidarietà per tutte le persone fisiche (DL 138/2011).

Contributo di perequazione Sui redditi da pensione e sui redditi dei dipendenti pubblici il contributo di perequazione introduce un prelievo aggiuntivo; tale prelievo ha 2 aliquote:
5% per i redditi superiori ad euro 90.000;
10% per i redditi superiori ad euro 150.000.

Tale contributo sarà applicato fino al 31/12/2014.

Contributo di solidarietà  Questo contributo, che consiste in un aumento del 3% dell'aliquota IRPEF, si applica alle persone fisiche per i redditi che eccedono i 300.000 euro.
Si applicherà fino all'anno d'imposta 2013. Il contributo di solidarietà rappresenta automaticamente un onere deducibile dal reddito.

ADDIZIONALI REGIONALI applicabili sui redditi 2013

Presentiamo una tabella con le aliquote delle addizionali regionali attualmente in vigore

Regione

% min.

% max

                       Note

Abruzzo

1,73%

 

 per qualunque reddito

 

Basilicata

1,23%

 

 per qualunque reddito

 

Calabria

2,03%

 

 per qualunque reddito

 

Campania

2,03%

 

 per qualunque reddito

 

Emilia-Romagna

1,43%

1,73%

- fino a 15.000 euro, 1,43% sull'intero importo
- da 15.000 a  20.000 euro, 1,53% sull'intero importo
- da 20.000 a 25.000 euro, 1,63% sull'intero importo
- oltre 25.000 euro, 1,73% sull'intero importo

 

Friuli Venezia-Giulia

0,70%

1,23%

- fino a 15.000 euro, 0,70% sull'intero importo
- oltre 15.000 euro, 1,23% sull'intero importo

 

Lazio

1,73%

 

 per qualunque reddito

 

Liguria

1,23%

1,73%

- fino a 28.000 euro, 1,23% sull'intero importo
- oltre 28.000 euro, 1,73% sull'intero importo

 

Lombardia

1,23%

1,73%

- fino a 15.000 euro, 1,23% sull'intero importo
- da 15.000 a 28.000 euro, 184,50 euro + 1,58% sulla parte eccedente 15.000
- da 28.000 a 55.000 euro, 389,90 + 1,73% sulla parte eccedente 28.000
- da 55.000 a 75.000 euro, 1,73% sull'intero importo
- oltre 75.000 euro, 1,73% sull'intero importo

 

Marche

1,23%

1,73%

- fino a 15.000 euro, 1,23% sull'intero importo
- da 15.000 a 28.000 euro, 184,50 euro + 1,53% sulla parte eccedente 15.000
- da 28.000 a 55.000 euro, 383,40 euro + 1,70% sulla parte eccedente 28.000
- da 55.000 a 75.000 euro, 842,40 euro + 1,72% sulla parte eccedente 55.000
- oltre 75.000 euro, 1.186,40 euro + 1,73% sulla parte eccedente 75.000

 

Molise

2,03%

 

 per qualunque reddito

 

Piemonte

1,69%

1,73%

- fino a 15.000 euro, 1,69% sull'intero importo
- da 15.000 a 28.000 euro, 253,50 + 1,70% sulla parte eccedente 15.000
- da 28.000 a 55.000 euro, 474,50 + 1,71% sulla parte eccedente 28.000
- da 55.000 a 75.000, 936,20 euro + 1,72% sulla parte eccedente 55.000
- oltre 75.000 euro, 1.280,20 + 1,73% sulla parte eccedente 75.000

 

Puglia

1,33%

1,73%

- fino a 15.000 euro, 1,69% sull'intero importo
- da 15.000 a  28.000 euro, 199,50 + 1,43% sulla parte eccedente 15.000
- da 28.000 a 55.000 euro, 385,40 + 1,71% sulla parte eccedente 28.000
- da 55.000 a 75.000 euro, 847,10 + 1,72% sulla parte eccedente 55.000
- oltre 75.000 euro, 1.191,10 + 1,73% sulla parte eccedente 75.000

 

Sardegna

1,23%

 

 per qualunque reddito

 

Sicilia

1,73%

 

 per qualunque reddito

 

Toscana

1,42%

 1,73%

- fino a 15.000 euro, 1,42% sull'intero importo
- da 15.000 a 28.000 euro, 213,00 euro + 1,43% sulla parte eccedente 15.000
- da 28.000 a 55.000 euro, 398,90 euro + 1,68% sulla parte eccedente 28.000
- da 55.000 a 75.000 euro, 852,50 + 1,72% sulla parte eccedente 55.000
- oltre 75.000 euro, 1.196,50 + 1,73% sulla parte eccedente 75.000

 

Umbria

1,23%

1,43%

- fino a 15.000 euro, 1,23% sull'intero importo
- oltre 15.000 euro, 1,43% sull'intero importo

 

Valle d'Aosta

1,23%

 

 per qualunque reddito

 

Veneto

1,23

 

 per qualunque reddito

 

Trento

1,23%

 

 per qualunque reddito

 

Bolzano

0,00%

1,23%

a seconda dello scaglione di reddito

 

 

 

Approfondimenti in materia di Aliquote IRPEF 2013-2014

Filtro articoli
Occhiello
Titolo
Testo
Periodo (da/a)
-- 
Riservato P.A.
si no tutti


 
I.R.P.E.F.

Le nuove detrazioni IRPEF 2014

la Legge di stabilità ha cambiato le modalità con cui si calcolano le detrazioni standard per i redditi di lavoro dipendente ed assimilati Mario Agostinelli, 13 Gennaio 2014
AGEVOLAZIONI FISCALI

La detrazione IRPEF per acquisto di mobili

ecco le istruzioni pratiche per godere della detrazione IRPEF del 50% per acquisto di mobili destinati ad abitazioni in fase di ristruttrazione Commercialista Telematico, 8 Luglio 2013
IL CASO DEL GIORNO

IMU ed IRPEF: l’IMU sostituisce, per la componente immobiliare, l'IRPEF

l’IMU sostituisce, per la componente immobiliare, l'IRPEF e le relative addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari relativi ai beni non locati Sandro Cerato, 11 Giugno 2013
REDDITI DA LOCAZIONE

Stangata sulle locazioni senza cedolare secca

l'aumento della percentuale di imponibilità dei redditi di locazione di immobili ad uso abitativo dall'85% al 95%, previsto dalla Riforma Fornero, penalizza gravemente le locazioni abitative non soggette al regime della cedolare secca Enrico Larocca, 22 Ottobre 2012
CONTABILITA'

La contabilità semplificata: vantaggi e rischi

il "decreto sviluppo" ha innalzato i limiti per utilizzare la contabilità semplificata; ecco quindi una approfondita valutazione dei vantaggi, dei rischi e degli effetti negativi insiti nella scelta di tale tipo di contabilità Fabio Balestra, 28 Dicembre 2011
Email            Password